Tag

, , , ,

Vignetta "Le onorate società nell'Italia del XXI secolo" di Giulio Cesare

Ovviamente, la vignetta non riguarda le molte – moltissime! – persone perbene che abitano nei territori variamente colorati della carta.
Essa ritrae il volto brutto, sporco, cattivo e mafioso dell’Italia, un volto che – variamente imbellettato – dilaga ormai a tutti i livelli nel Paese, sottoforma di privilegi, omertà, violenza, sopraffazione, élite, guerre tra faide e quant’altro: la mafia come forma mentis italica, quindi, ahinoi.
Una menzione speciale merita la Lega Nord (non paga della figuraccia colossale connessa con la notizia secondo la quale l’arca del tesoro perduto del dio Po si troverebbe in …Tanzania?!) con  le maldestre capriole sul caso Cosentino e con l’apertura dei conseguenti scontri tra faide, con tanto di interdizioni, omertà, aut aut, turpiloqui e censura della base schiumante e rabbiosa. Non ci si stupisca (no, a questo punto non dovrebbe stupirsene neppure Maroni): pare che la mafia al nord sia ormai di casa, e non da oggi.
La speranza è che a breve torni alla luce la faccia pulita di questo Paese.

Annunci